intestazione

Ti trovi nella sezione Link alla Home page Link alla sezione batteri Link alla sezione virus Link alla sezione bibliografia Link siti amici

Titolo virus
[1] [2] [3]  [MAPPA DELLA SEZIONE VIRUS]
STRUTTURA DEI VIRUS

I virus sono privi di tutte le strutture complesse presenti nelle cellule e praticamente sono costituiti essenzialmente da un acido nucleico ed un rivestimento. [a]

Le dimensioni sono dell'ordine di 10÷300 mμ.  Nel  ciclo vitale si distinguono due fasi: una extracellulare ed una intracellulare.
Nella fase extracellulare il virus esiste sotto forma di particella infettante inerte che prende il nome di virione. Il virione è costituito da una o più molecole di acido nucleico (DNA o RNA) racchiuso in un rivestimento proteico detto capside che, considerando la limitata capacità del genoma virale a codificare proteine, è spesso costituito da unità che si ripetono in due schemi ricorrenti: simmetria elicoidale e simmetria icosaedrica.[
b]

Il complesso acido nucleico e capside viene chiamato nucleocapside e, nei virus animali, può anche essere avvolto in una membrana. Il capside non ha solamente la funzione di rivestimento: esso protegge l'acido nucleico dalla degradazione enzimatica, dalla denaturazione e soprattutto determina la specificità del virus rispetto alla cellula  ospite, infatti sulla superficie esterna del capside trovano posto particolari strutture (siti di adsorbimento) specifiche per i siti recettori della cellula ospite.
Nella fase intracellulare il virus è presente solo come acido nucleico che si replica a spese della cellula ospite e dà le informazioni per la sintesi di tutte le proteine virali che costituiscono le sub-unità, o capsomeri, le quali a loro volta formeranno il capside.

I costituenti proteici, riassumendo, possono essere così elencati:

- Core = Acido nucleico più ogni molecola che ne determina la stabilità,
- Capside = Struttura proteica che racchiude l’acido nucleico.
- Capsomero = Unità proteica che, ripetuta, forma il capside icosaedrico.
- Nucleocapside =  Acido nucleico più capside.
- Envelope = Involucro lipoglicoproteico esterno. E’costituito da lipidi della membrana della cellula infettata, rimasti intorno al virus vero e proprio al momento della fuoriuscita dalla cellula stessa (“budding”). Contiene anche alcune glicoproteine virali, che fungono da primo recettore virale nei confronti delle cellule bersaglio. Svolge funzione di protezione, di riconoscimento antigenico (emoagglutinina del virus influenzale) e di penetrazione nella cellula ospite tramite il meccanismo di fusione con la membrana cellulare. La presenza del pericapside rende ragione della sensibilità di alcuni virus ai disinfettanti organici (eteri, alcoli) in grado di sciogliere i lipidi.
- Peplomeri = Proiezioni superficiali che fuoriescono dall’envelope.
- Virione = Particella virale completa come si può osservare al di fuori della cellula.

Un ulteriore elemento distintivo dei virus è costituito dalla presenza o meno dell'envelope. Avremo pertanto:

Virus nudi: costituiti unicamente da acido nucleico e proteine (solo il capside).
Virus rivestiti: formati da acido nucleico (con envelope), proteine, lipidi, carboidrati
Lipidi e carboidrati sono contenuti nella membrana limitante esterna: sono identici a quelli della cellula ospite e non sono codificati dal virus.

Virus nudi e virus rivestiti


STRUTTURA DEL GENOMA VIRALE

Il genoma virale può essere rappresentato da RNA o DNA mono catenario o bicatenario, lineare o circolare; nei virus ad RNA il genoma è sempre lineare. L’RNA può essere positivo (del tipo m-RNA) e quindi immediatamente trascrivibile dall’apparato proteico sintetico dell’ospite, o RNA negativo (complementare all’ m-RNA) che non può essere trascritto immediatamente, ma necessita di una RNA-trascrittasi virale per essere copiato in m-RNA utile alla sintesi proteica. Virus a RNA vengono detti ribovirus, quelli a DNA deossiribovirus.
 

    

 

 

 

 


Freccia torna su


Markup W3C HTML Markup W3C CSS

© 2011 - 2015 - Created by: Ascari -  mail